venerdì 18 aprile 2008

Il battito d’ali di una farfalla in Brasile può scatenare una tempesta in Texas

Tratto da La Stampa.

Era il padre delle meteorologia moderna ed è stato uno dei fondatori della teoria del caos, disciplina di enorme interesse al confine tra matematica e fisica e oggi di gran moda. Edward Norton Lorenz si è spento ieri a novant’anni, lentamente consumato da un tumore nella sua casa di Cambridge, Usa, non lontano dal famoso Massachusetts Institute of Technology (Mit) dove aveva fatto la sua scoperta più importante, e per tanti decenni aveva insegnato. Lorenz passa alla storia della scienza come lo scopritore dell’«effetto farfalla», espressione ormai entrata anche nel linguaggio comune per indicare un evento di grande portata innescato da una causa quasi insignificante. È colpa dell’«effetto farfalla» se neppure i più potenti supercomputer sono in grado di prevedere che tempo farà tra una settimana. Oltre un certo limite l'atmosfera sfugge al determinismo e sconfina nel caos.

Nato il 23 maggio 1917 a West Hatford, nel Connecticut, Lorenz aveva studiato matematica alla Harvard University e poi aveva combattuto nella seconda guerra mondiale come ufficiale dell’Aeronautica militare. Ma da scienziato, elaborando le previsioni del tempo per i piloti dei bombardieri. Tornata la pace, Lorenz rientrò al Mit e continuò a occuparsi di meteorologia.

In quegli anni gli scienziati incominciavano a disporre di computer, prima a valvole e poi a transistor. Lorenz pensò di sviluppare dei modelli matematici per applicare queste macchine alla previsione del tempo. L’ostacolo più duro per i meteorologi sembrava essere la velocità con cui bisognava trattare una grandissima quantità di dati: misure di pressione, umidità, velocità del vento, temperatura e così via raccolte in migliaia di stazioni sparse per il mondo e da altrettanti palloni sonda. Si sapeva come fare le previsioni, ma con i vecchi sistemi, anche mettendo al lavoro centinaia di matematici forniti di calcolatrici meccaniche, si arrivava al risultato della previsione quando non serviva più: la tempesta arrivava prima della sua previsione…

I computer potevano forse offrire una velocità di calcolo sufficiente, pensò Lorenz. Così nel 1963 elaborò un modello dell’atmosfera molto semplice, con 12 variabili, lo inserì in un computer e si mise a guardare come si evolveva nel tempo. La potenza di un computer degli Anni 60 è paragonabile a una nostra calcolatrice da tasca, ma allora pareva qualcosa di formidabile. Il modello «girò» per due o tre giorni di seguito. Quando Lorenz andò a vedere il risultato rimase a bocca aperta: la situazione meteorologica di partenza, dopo un lungo periodo di quasi stabilità, di colpo si era ribaltata. Un passaggio brusco e imprevedibile dal bello al brutto tempo o viceversa. L’aspetto grafico era quello di due complicate spirali congiunte da una linea che univa due stati dell’atmosfera radicalmente opposti.

Questa figura oggi in matematica ha un nome preciso: si chiama «attrattore strano» ed è tipica dei fenomeni non lineari, quelli nei quali una minima variazione delle condizioni iniziali porta a conseguenze radicalmente diverse. Lorenz lo provò applicando arrotondamenti diversi ai suoi dati meteorologici: per esempio cinque e sei cifre decimali. Bene: bastava variare l’ultima cifra decimale, un nonnulla, per ottenere risultati opposti: bel tempo o bufera, nel volgere di pochi giorni.

Lorenz descrisse i suoi risultati in un articolo destinato a rimanere una pietra miliare nella storia della meteorologia e della matematica: Deterministic nonperiodic Flow. Ripreso su una rivista divulgativa, un redattore intitolò il lavoro di Lorenz Il battito d’ali di una farfalla in Brasile può scatenare una tempesta in Texas. Rappresentava bene ciò che Lorenz aveva scoperto, ma si dice che Lorenz lì per lì non abbia apprezzato questa interpretazione disinvolta della sua ricerca. Poi con il tempo si è ricreduto e ha usato lo stesso titolo per un suo seminario nel 1979. Curiosamente, si può parlare di effetto farfalla in due sensi: quello metaforico del titolo dato all’articolo, ma anche in senso oggettivo, perché l’«attrattore di Lorenz» ricorda con la sua forma appunto una farfalla ad ali spiegate.

L’attrattore di Lorenz, si vide poi, è una forma frattale (cioè autosomigliante a scale diverse e con una dimensione frazionaria). Rappresenta fenomeni dinamici che, pur essendo in teoria deterministici e quindi prevedibili, diventano caotici e di conseguenza imprevedibili perché non è possibile conoscere perfettamente le condizioni iniziali. Dunque i meteorologi sbagliavano pensando che fosse solo una questione di velocità di calcolo. Non c’è velocità che tenga: se il fenomeno è caotico, ci si scontra con un limite praticamente invalicabile.

Divenuto professore emerito del Mit, nel 1991 Lorenz ha ricevuto il Premio Kyoto per le sue ricerche sulla scienza dell’atmosfera. Più volte lo avevano candidato al Nobel, ma il riconoscimento gli è stato negato perché non è previsto che vada a un matematico né a un meteorologo. Ha lavorato fino alla fine: una settimana fa ha consegnato a una rivista il suo ultimo articolo, scritto insieme con un collega. Da quel lontano esperimento del 1963, la teoria del caos fatta intravedere dall’attrattore di Lorenz ha compiuto passi da gigante. Oggi sappiamo che è caotico non solo il tempo meteorologico ma anche il ritmo con cui batte il nostro cuore. E, su periodi molto lunghi, persino il moto dei pianeti. Chissà come ci rimarrebbe male Newton, che pensava di aver trovato la più ferrea delle leggi astronomiche.

13 commenti:

butterfly.23 ha detto...

allora forse è meglio che non vada in america ;)

pabi71 ha detto...

...è bellino il film di qualche anno fa "the butterfly effect",che prende spunto proprio dalla sua teoria....poi il film segue altre cose,comunque è bellino.
Un saluto e vado,tanto per cambiare al lavoro.
buon fine settimana.
un saluto,un abbraccio,a presto.

Ivo Salvini ha detto...

Tu ci potresti credere che la danza della pioggia degli Indiani d'America funzionava e potrebbe funzionare ancora?
Infatti funzionava e si basa praticamente sull'effetto farfalla e sull'energia di richiamo del gruppo,,,
Non ti sei mai chiesto perchè nel primo periodo estivo, in genere, sulle città industrializzate, nel week-end, fa brutto tempo?
Perchè c'è la paura di tutti che lo faccia. E' sì un periodo in cui si desidera molto il bello per il week-end, ma si sbaglia il proprio atteggiamento,,,infatti non è il desiderio che provoca il fatto, ma l'atteggiamento,,,
Non è facile da credere e non ho modo di provare questo, ma prova ad osservare il mese di Maggio e vedrai,,,
Dopo, il nostro atteggiamento cambia e le cose prendono un altro verso,,,
Ciao. Ivo

Matteo L. ha detto...

Ciao Caramon è da un pezzo che non entravo da te e ti porto un saluto.. Grande uomo veramente Lorenz. Complimenti a te e al "La Stampa" per avere parlato di questo personaggio

Caramon ha detto...

@butterfly: eh si meglio di si hiihhi :D
@pabi: non l'ho visto il film..ma se lo trovo lo guardo di sicuro. Tranqui lo so che sei pure tu sempre impegnato :)
@ivan:ciao ivan ^_^ Beh se l'effetto farfalla è vero allora la danza della pioggia potrebbe funzionare sul serio. Per quanto riguarda l'atteggiamento non credo ke dipenda da ciò.Questo fenomeno è sì influenzato dalle "condizioni iniziali" ma penso che si riferisca a condizioni fisiche e non emotive. Anche perchè non so proprio come potrebbero entrare dei fattori emotivi in un sistema differenziale alle derivate parziali.
Cmq niente è sicuro ;)
ciao ivo a presto!!
@matteo:ciao matteo! Grazie ma cmq i complimenti vanno + a lorenz :D

Ivo Salvini ha detto...

Attenzione, che matematica e filosofia vanno a braccetto,,,comunque non intendevo emotività,,,forse mi sono espresso male,,,ma relazione dell'interiore con l'esteriore che potrebbe benissimo interagire con "un sistema differenziale alle derivate parziali",,,che non ho capito minimamente cosa sia :-P
Quindi non la spinta del desiderio che viene rappresentato emotivamente e quindi eterico, ma della paura che è più un movimento astrale e quindi capace di muovere "scientificamente" cose anche molto lontane,,,finisco qui altrimenti come mi hai linkato, così mi slinki,,,probabilemnte continuerò su di un mio Post,,,
Ciao. Ivo (no Ivan)

Proscar ha detto...

Grazie per averci ricordato questo grande personaggio e la sua splendida intuizione!

Maddea ha detto...

bellissimo questo post.....molto molto interessante!
Ciao e buon inizio settimana!

Mestolo & Paiolo ha detto...

Ciao Caramon, sono passato per un saluto, a presto. Stefano

sauvage27 ha detto...

(¯`•.¸Ciao ... un piccolo passaggio e poi un piccolo saluto... mandi mandi ...Loris¸,•´¯)¸.•**•.,¸¸,ø¤º°`*`°``

pabi71 ha detto...

Liberté, Égalité, Fraternité
ciao Caramon,buon 25 aprile e buon fine settimana.
Un saluto a presto.

Anonimo ha detto...

酒店經紀,酒店小姐,酒店公關,酒店打工,酒店上班,禮服店,便服店,假日打工,酒店兼差,酒店兼職,暑假打工,寒假打工,酒店經紀爆米花,酒店打工爆米花,酒店兼差爆米花,酒店兼職爆米花,酒店上班爆米花,酒店工作爆米花,酒店小姐爆米花,禮服店爆米花,假日打工爆米花,酒店經紀PRETTY GIRL,酒店上班PRETTY GIRL,酒店兼差PRETTY GIRL,酒店工作PRETTY GIRL,酒店打工PRETTY GIRL


酒店
童裝批發
童裝批發
童裝
童裝
酒店喝酒
暑假打工
酒店
酒店經紀人
酒店小姐
酒店兼職
酒店上班
酒店兼差
禮服店
酒店上班
酒店打工
酒店小姐
酒店經紀
假日打工
台北酒店經紀
酒店應酬
粉味
茵悅
酒店經紀

freefun0616 ha detto...

酒店經紀人,
菲梵酒店經紀,
酒店經紀,
禮服酒店上班,
酒店小姐兼職,
便服酒店經紀,
酒店打工經紀,
制服酒店工作,
專業酒店經紀,
合法酒店經紀,
酒店暑假打工,
酒店寒假打工,
酒店經紀人,
菲梵酒店經紀,
酒店經紀,
禮服酒店上班,
酒店經紀人,
菲梵酒店經紀,
酒店經紀,
禮服酒店上班,
酒店小姐兼職,
便服酒店工作,
酒店打工經紀,
制服酒店經紀,
專業酒店經紀,
合法酒店經紀,
酒店暑假打工,
酒店寒假打工,
酒店經紀人,
菲梵酒店經紀,
酒店經紀,
禮服酒店上班,
酒店小姐兼職,
便服酒店工作,
酒店打工經紀,
制服酒店經紀,
酒店經紀,

,